Fondazione Nuovo Villaggio Fanciullo

  • Al via al Progetto Europeo FAIR sulla deradicalizzazione islamica nelle carceri

    La Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo capofila ed ideatrice di un progetto europeo sulla de-radicalizzazione islamica nelle carceri.

    + Leggi la notizia

  • Adotta un albero da frutto, fai un Regalo Solidale

    Dona una albero da frutto ai tuoi cari, ai tuoi amici, ai tuoi clienti o ai tuoi collaboratori. Regala l'opportunità di contribuire a un importante progetto di reinserimento sociale. 

    + Leggi la notizia

  • Il Villaggio del Fanciullo in missione in Senegal

    La Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo in missione per sviluppare due progetti umanitari. Nelle scorse due settimane, la Fondazione è stata impegnata in una missione umanitaria nel Sud del Senegal, in collaborazione con l’Associazione di volontariato Kalambeno. Tale iniziativa si colloca all’interno dei progetti previsti dalla Fondazione in qualità di ONG.  

    + Leggi la notizia

Italiano

Logo Progetto Mercurio

Progetto Mercurio - Unità Abitativa a Cesena

Il Progetto Mercurio è una unità abitativa attivata dalla Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo nell'ambito dei servizi erogati, presso un unico edificio, in località Ponte Pietra di Cesena.

L’Unità abitativa si colloca all'interno del Sistema dei Servizi per le dipendenze patologiche dell’AUSL Romagna è un progetto volto ad offrire una collocazione abitativa residenziale permanente o temporanea, e di supporto, ed è destinato a 6 persone maggiorenni con problemi correlati alla tossicodipendenza, alcoldipedenza, comorbilità psichiatrica, cui sono riconosciute capacità evolutive, anche se presenti in diversa misura.

progetto-mercurio1
progetto-mercurio2
progetto-mercurio3
progetto-mercurio4
progetto-mercurio5

Tali persone devono possedere una condizione attuale di compenso ed equilibrio psico-fisico, senza limitazioni legali particolarmente restrittive da impedirne la libertà di spostamento e l'accesso a pratiche quotidiane di autonomia e per i quali sia stato pensato un percorso socio-riabilitativo, oppure che si trovino privi, o con una scarsa rete familiare, in grado di sostenere la loro situazione psico affettiva.

L’Unità abitativa, è un progetto residenziale di reinserimento sociale che ha lo scopo di:

  • garantire la domiciliarità;
  • migliorare la qualità della vita dei soggetti fruitori del progetto, sollecitando azioni quotidiane di gestione di sé allo scopo di limitare la dipendenza da altri e di scoraggiare atteggiamenti passivi e di delega;
  • prevenire l’isolamento e l’emarginazione favorendo rapporti interpersonali e relazioni affettive, mutuo aiuto e collaborazione tra gli ospiti;
  • evitare o ritardare l’istituzionalizzazione garantendo alla persona la permanenza nel proprio ambiente di vita, anche se in edificio differente dalla propria originale abitazione, con il supporto di un’assistenza qualificata ed integrata con altri servizi e con le risorse del territorio.
  • acquisire la capacità di gestione autonoma del tempo libero e della vita quotidiana;
  • supportare, nella fase iniziale del progetto, l’auto somministrazione delle terapie farmacologiche;
  • favorire un'attenta gestione del denaro;
  • sviluppare la socializzazione e la capacità di mediazione;
  • superare i comportamenti a rischio.

Progetto di intervento

Il progetto si rivolge a soggetti, che pur conducendo una vita parzialmente autonoma, necessitano di servizi di protezione e di supporto in un ambiente protetto.

I presupposti per l'accesso all’unità abitativa, sono accertati attraverso una valutazione congiunta da parte dell’equipe del Servizio inviante e dell’equipe dell’Unità abitativa;
Non possono fruire di tale servizio coloro che presentino bisogni sanitari ed assistenziali complessi e risolvibili solo mediante una assistenza sociosanitaria continuativa.

Personale addetto

All’interno dell’Unità abitativa opera un coordinatore del gruppo appartamento; e del personale addetto alle prestazioni educative con orario funzionale alla gestione dell’Unità abitativa e per l’ottimizzazione delle persone coinvolte e comunque non più di 6 ore giornaliere; le figure educative avranno il compito di monitorare ed accompagnare gli ospiti nel loro percorso di autonomia proponendo stili di vita sani e orientati al benessere.

Presso il gruppo appartamento possono operare anche volontari, per consentire un maggior collegamento con l’ambiente esterno, per offrire stimoli ed opportunità diverse agli ospiti e per integrare e sostenere l’intervento delle figure professionali sopra indicate.

Caratteristiche dell’Unità abitativa

L’Unità abitativa è situata a Ponte Pietra di Cesena in via Sala 214, a 3 km dall’Ospedale e dal Ser.T. di Cesena.
L’Unità abitativa è dislocato su 2 piani:
Il piano terra è composto da ingresso, sala da pranzo e cucina, 3 camere da letto, 2 bagni, 1 salotto ed una stanza per gli operatori.
Al piano inferiore 1 taverna con cucina e lavanderia. Al fine di garantire la sicurezza degli ospiti l’Unità abitativa è dotata di telecamere esterne ed 1 interna posizionata nel soggiorno.

L’Unità abitativa è arredata con mobili nuovi che garantiscono comfort e sicurezza ed aiutano gli ospiti a sentire l’ambiente come domestico ed accogliente. L’Unità abitativa rappresenta a tutti gli effetti la casa della persona ospite per cui è consentita:

  1. la collocazione di elementi d’arredo e suppellettili, compatibilmente con gli spazi a disposizione, ritenuti familiari e quindi indispensabili per la persona ospitata, i quali dovranno comunque essere obbligatoriamente conformi alle normative vigenti e comunicati al personale della struttura;
  2. l’accoglienza di visitatori temporanei, quali familiari ed amici per mantenere vive le relazioni interpersonali, che dovrà essere concordata con gli operatori.

Prestazioni e servizi

Agli ospiti dell’Unità abitativa sono assicurate dagli operatori, nel rispetto dei Progetti personalizzati e delle loro richieste, le seguenti prestazioni e servizi:

  • la vigilanza diurna per massimo 6 ore ed interventi assistenziali programmati sulla base delle effettive necessità di ogni individuo;
  • l’organizzazione degli accessi da parte del personale sanitario e socio-sanitario del Servizio inviante, secondo quanto previsto dal progetto individualizzato;
  • la gestione dei rapporti con i familiari ed il sostegno della rete amicale;
  • l’organizzazione e l’individuazione di iniziative di socializzazione, ricreative e occupazionali, interne ed esterne alla struttura compatibilmente con le risorse a disposizione dei singoli soggetti e della Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo.

Ammissioni

L’ammissione al "Progetto Mercurio” – Unità abitativa, avverrà previa valutazione del caso in equipe congiunte (Servizio inviante e Unità abitativa);
Il coordinatore dell’Unità abitativa responsabile del progetto “Mercurio” successivamente, procederà, in collaborazione con il referente del caso, al colloquio con il soggetto richiedente.

La durata del percorso sarà definita con l'equipe inviante e la permanenza dell'ospite sarà al massimo di 2 anni.

L'autorizzazione all'ingresso nell’appartamento viene rilasciata dal Direttore del Servizio inviante.

L’ingresso nell’Unità abitativa deve essere preceduto dal Progetto terapeutico individualizzato condiviso e sottoscritto dal Servizio inviante, dall’equipe dell’Unità abitativa e dall’ospite.

Al momento dell’ingresso l’ospite dovrà sottoscrivere il regolamento interno della struttura.

Al momento dell’ingresso l’ospite deve essere in possesso della seguente documentazione:

  • Progetto individualizzato;
  • Carta d’identità, Patente (se posseduta) codice fiscale;
  • Eventuale foglio terapia e ogni altro referto medico utile per il personale dell’Unità abitativa;
  • Impegnativa di pagamento da parte del Servizio inviante.

Richiesta Informazioni

Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Inserisci la spunta

Come raggiungerci

Come Contattarci

La Sede del Villaggio

Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo

Via 56 Martiri n.79 - 48124 - Ravenna - Italy

+39.0544.603511

Amministrazione

 Amministrazione
Sig.ra Luisa Ventura
0544.603518
Skype

Direzione

 Direzione
Dott. Patrizio Lamonaca
0544.603518
Skype

Comunitá Terapeutica

 Comunitá Terapeutica
Dr.ssa Manuela Ceccarelli
0544.603511
Skype

Gruppo appartamento Cesena

 Gruppo appartamento Cesena
Dr.ssa Tiziana Di Pentima
320.456.6516

Centro osservazione e diagnosi

 Centro osservazione e diagnosi
Dr.ssa Roberta Carrozzo
0544.552150
Skype

Comunitá per minori

 Comunitá per minori
Dott. Mattia Fenati
0544.603527 - 331.1541629
Skype

Servizi di Prossimitá Forlì

 Servizi di Prossimitá Forlì
Dr.ssa Claudia Bregli
334.105.6897

O.N.G.

 O.N.G.
Dott. Pietro De Carli
0544.603518
Skype

Eventi e Gestione Spazi

 Eventi e Gestione Spazi
Dr.ssa Valentina Ruffili
0544.603525
Skype

Iscriviti alle Newsletter

Iscriviti al sito per rimanere aggiornato sulle iniziative del Nuovo Villaggio del Fanciullo

Seguici nei Social

  • Instagram
  • Facebook
  • Twitter

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Policy Cookie

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Se hai piacere di rimanere aggiornato sulle nostre iniziative, ti invito a compilare i campi con il tuo nome e la tua email. 

Riceverai nella tua casella di posta le nostre comunicazioni inerenti le iniziative che organizza il Villaggio per il reinserimento sociale degli ospiti.

In ogni momento puoi decidere di non ricevere più le nostre comunicazioni cliccando nel link che trovi in fondo a ogni email che riceverai.

Se ti sei già iscritto alle nostre Newsletter, clicca sulla X per chiudere la finestra. Grazie!